mercoledì, 24 Aprile 2024
Il Vescovo Mauro Parmeggiani

 

HomePisoniano - San Paolo Apostolo
Nona Vicaria

Pisoniano - San Paolo Apostolo

ORARI MESSE

FESTIVI
9.30 11.15

FERIALI
17.00 (18.00 estivo)

Chiesa di S. Maria ad Nives
Pre-Festivi: 18.00 (agosto)

Chiesa di S. Vittoria
Pre-Festivi: 18.00 (luglio)

RECAPITI

TELEFONO
06 9577282

INDIRIZZO
Piazza della Chiesa 2, 00030 Pisoniano (Rm)

PERSONE

PARROCO
Padre Jason Hood, Ffm

VICARIO PARROCCHIALE
Padre Brendan Gleen, Ffm

Cenni Storici

La chiesa è posta al centro dell’abitato e spicca tra i tetti delle case del nucleo storico con il suo corpo allungato terminante con l’abside e l’alto campanile posto in linea sulla facciata. Da via Roma, attraverso un sotto portico e dopo una leggera salita, si giunge alla piazza antistante la chiesa, che si presenta con un’architettura scandita da un ordine rigoroso, composto da lesene con basi in travertino e capitelli ionici bianchi, che contrastano con la superficie dipinta della cortina muraria. La chiesa attuale fu costruita dall’amministrazione comunale, con il contributo dei cittadini che offrirono tre giornate lavorative all’anno, su disegno dell’ing. Procaccini, per attivo e tenace interessamento del parroco dell’epoca don Francesco Castellani, che la benedisse, per delega del Vescovo, il 31 dicembre 1900. Si accede al centro dall’unico portale, sormontato da una lapide murata su cui è incisa l’iscrizione dedicatoria. Ai lati, tra le lesene, in due nicchie poste a 3 m. di altezza, sono alloggiate le sculture dedicate al Sacro Cuore, al Cristo e alla Vergine Maria. Nella parte superiore, divisa da quella inferiore da un alto cornicione lievemente modanato, si erge un timpano mistilineo con rosone centrale aggettante rispetto alla parete della navata centrale più alta. Sulla sinistra, allineato alla facciata, si erge un campanile diviso in tre ordini. Il primo, in linea con il cornicione della chiesa, è in muratura intonacata mentre i due superiori più bassi, hanno monofore su tutti i lati, aperte soltanto all’ultimo piano dove sono ubicate le campane. Sul lato verso la piazza sopra all’apertura tamponata del secondo livello è posto un orologio. La navata centrale, coperta a cassettoni, termina con un catino absidale anch’esso decorato a stucco bianco e dorato, con parti dipinte in colori pastello, al centro del quale è posta la pala d’altare dedicata al Santo patrono. Le navate laterali hanno il soffitto piano e senza decorazioni. In quella sinistra, dopo la porta di accesso al campanile, si trova la cappella dedicata a Santa Vittoria che corrisponde all’abside originario della chiesa primitiva. Sull’altare è custodita una statua della Titolare in sostituzione di una tela di scarso valore artistico trasferita alla chiesa dedicata alla stessa Santa. Di seguito c’è la porta da cui si accede alla sagrestia, quindi l’altare dedicato alla Sacra Famiglia. A destra, dopo l’entrata, si trova la fonte battesimale coeva alla chiesa; la vasca marmorea contenente l’acqua battesimale è inserita in una nicchia a sua volta incorniciata da una struttura architettonica costituita da due colonne laterali con capitelli a volute, sostenenti un architrave e un timpano triangolare. Seguono, nella navata di destra, l’altare dedicato a S. Antonio da Padova in cui è collocata una tela molto espressiva, eseguita nel 1903 dal Borzacchini, sull’originale conservato a Gerusalemme e l’entrata laterale alla chiesa.Quindi l’altare consacrato alla Madonna del Rosario dove è collocata un’antica tela di buona fattura realizzata nel 1700 da Francesco Ferrari. Sopra l’entrata, è posizionato il nuovo organo a canne guidate via cavo con la consolle sita nella navata sinistra